NEWS | FOX & PATTON Advisor



Investigative due Diligence: quando i dati ufficiali non bastano.

8 Settembre 2022


La Due Diligence investigativa, ovvero l’attività di intelligence preliminare finalizzata all’analisi approfondita di una Controparte, è oggi più che mai determinante per la mitigazione del Rischio: a fronte di un mercato sempre più instabile, una “dovuta diligenza” è in grado di fornire dati e informazioni attualizzati in termini di affidabilità, eticità, consistenza economica e reputazione di aziende e persone fisiche e metterne in luce per tempo rischi e vulnerabilità. Una strategia della prudenza troppo spesso ignorata, per la fretta di chiudere trattative commerciali, approfittare di offerte sulla fornitura, selezionare rapidamente il personale per posti vacanti o per l’erronea convinzione che i dati ufficiali siano sufficienti. Ma il mercato lo insegna: che si tratti di investimenti, fusioni, operazioni assicurative, selezione di fornitori, potenziali clienti o candidati, il solo dato quantitativo non è più in grado di fornire un quadro attendibile della Controparte.


Aree di intervento


Analisi dei Clienti (KYC)

In un momento storico come quello attuale, caratterizzato da una forte instabilità economica, conoscere la situazione attualizzata dei propri Clienti è di fondamentale importanza: a fronte di dati ufficiali che restano immobili per mesi, la Due Diligence investigativa condotta attraverso l’Open Source Intelligence (OSINT) offre un quadro aggiornato sulla situazione finanziaria, reputazionale e societaria di clienti attuali e potenziali, identificando segnali di pericolo spesso non palesati e delimitando correttamente le aree di rischio.

Integrità di partner e fornitori

Operare con partner commerciali non affidabili espone l’azienda a rischi non solo di tipo finanziario, ma anche legale e reputazionale. Le potenziali criticità relative alla storia e all'integrità di partner e fornitori, alle connessioni dei loro esponenti o all’eventuale coinvolgimento in attività illecite o problematiche legali, non si palesano a livello ufficiale. La Due Diligence Investigativa su partner commerciali e subappaltatori condotta attraverso analisi OSINT consente di avere uno sguardo completo sulla Controparte e adeguarsi alle misure previste dalle normative anticorruzione (D.Lgs. 231/2001), tutelando l’integrità della propria Supply Chain.

Valutazione strategica delle risorse umane

La stessa diligenza dovuta nei confronti di clienti e fornitori è da applicarsi anche alla conoscenza delle risorse umane, ovvero ai potenziali dipendenti, collaboratori, agenti o figure manageriali. In questo caso la Investigative Due Diligence condotta attraverso tecniche OSINT/SOCMINT consente di effettuare adeguate valutazioni di profile, curriculum e percorsi professionali, minimizzando per l’azienda le aree di Rischio.

La corretta e continua valutazione della propria catena di fornitura e delle relazioni commerciali rappresenta un nuovo punto di vista, dove il focus non sono più i singoli aspetti aziendali (bilanci, qualità, continuità), ma dove l’azienda è inserita in un contesto dinamico, variabile ed estremamente mutevole, fatto di relazioni sempre più allargate e di informazioni sempre più numerose. Scegliere di operare attraverso una Due Diligence preliminare rappresenta sicuramente uno grande passo evolutivo per le Aziende che vogliano affrontare le attuali sfide del Mercato e mitigare il Rischio attraverso la Conoscenza.


» Servizi di Business Intelligence Fox & Patton